Metodo Strasberg e teatro

Lee Strasberg ha condizionato il modo di recitare di migliaia di attori, in particolare in USA. Ne ha condizionato fortemente il cinema e il modo iperintrospettivo di viverlo. Ma come si sposa con il teatro il suo metodo? Lo vedremo qui.

L’esempio forse più eclatante e, allo stesso tempo, inquietante di un’intensiva applicazione del metodo Strasberg è rappresentato dalla vita di Marilyn Monroe. La celebre diva statunitense ha costruito la sua vita sul metodo Strasberg: confondersi tanto col personaggio, adottandone caratteristiche fisiche e psicologie, debolezze e certezze. Così tanto da non rendersi più conto, dopo tanti anni, della differenza fra il se stesso prima del metodo Strasberg e il personaggio interpretato. Marilyn visse la maggior parte della propria esistenza interpretando quel personaggio meraviglioso, svampito e desiderato che il neonato star system hollywoodiano aveva concepito per lei.

Il metodo Strasberg si fonda sui seguenti passaggi:

  1. Vivere la vita del personaggio per il tempo necessario alla creazione
  2. Adottare il suo stile di vita
  3. Prendere consapevolezza del passaggio

Altri esempi di studio sono rappresentati da Robert De Niro, Al Pacino (attuale direttore dell’Actor Studios, scuola fondata dallo stesso Strasberg), Johnny Depp.

De Niro per interpretare Toro Scatenato visse 6 mesi nei bassifondi di New York, vivendo a stretto contatto con una palestra popolare e imparando la boxe di strada. Al Pacino non uscì quasi mai, come del resto De Niro, dal personaggio de Il Padrino. Johnny Depp, dopo la sua interpretazione di Jack Sparrow ne I Pirati dei Caraibi, vive ancora la sua vita privata abbigliandosi e atteggiandosi come lo stravagante pirata fiabesco.

La storia senz’altro più triste che può citarsi riguardo all’estremismo a volte applicato nel metodo Strasberg è quella di Heath Ledger. L’attore australiano restò letteralmente intrappolato nel personaggio del Joker, durante le riprese del seguito de Il Cavaliere Oscuro di Nolan, morendo nel 2008 di intossicazione da farmaci nel tentativo disperato di (ri)appropriarsi della propria personalità (o forse quella del Joker?).

Concludendo, la scuola americana ha prodotto grandi geni di attori, il metodo Strasberg ha inventato lo star system, ma la scuola europea, soprattutto inglese, probabilmente resta il miglior punto di riferimento della recitazione intesa come arte di creare vita dalla vita, e non confondere vita nella vita.