Warm bodies: uno stile di vita da riesumare

Ci interroghiamo sempre più sul nostro decadente stile di vita, ma non facciamo nulla per cambiarlo, per aggiustare almeno il tiro di un’esistenza sempre più effimera. Warm Bodies è un bel film: divertente, dissacrante, ricco di spunti e citazioni classiche. L’amore che salva gli zombie dall’oblio dell’eternità. Idea apparentemente scontata, ma trattata con stile geniale. Un film “stranamente” americano, con un interprete fantastico (ovviamente inglese): Nicholas Hoult, che rispecchia in pieno la filosofia attoriale inglese.

In un futuro apocalittico gli zombie s’impadroniscono della terra e pochi umani li combattono. Niente di più scontato, ma stavolta il punto di vista è degli zombie. La comunità dei cadaveri viventi ha uno stile di vita a noi non proprio sconosciuto: i loro componenti non si parlano, non comunicano se non attraverso oggetti, ognuno di loro trascina la sua inutile esistenza verso il nulla ignorando totalmente il prossimo (siamo sicuri che parliamo ancora degli zombie?), finché R (il protagonista zombie del film) non incontra Jiulie (chiaro riferimento a Romeo e Giulietta di Shakespeare), qualcosa di strano scatta in lui e anziché mangiare la bella ragazza vede riattivarsi sinapsi e pulsazione che aveva dimenticato, che aveva sotterrato perché aveva smesso di vivere. L’amore insomma riesuma i cadaveri e il loro stile di vita.

In Warm Bodies i protagonisti trascinano l’umanità verso una nuova era fatta di poco internet e tanto contatto umano, di pochi videogiochi e tanti giochi, di poco digitale e tanta natura. Uno stile di vita sano e semplice. Ovviamente accade nei film, perché siamo ancora zombie, noi. Lo sappiamo, ma non facciamo nulla per cambiarlo. Viviamo con la certezza che un giorno il contatto umano scomparirà, lasciando spazio assoluto al digitale. Vivremo sempre più di prodotti scadenti, di abiti scadenti, di libri (digitali) scadenti, di vini scadenti, di cibi scadentiuno stile di vita scadente…la qualità sarà solo per i ricchi. Sempre di meno e sempre più ricchi.

Siamo zombie da riesumare, da salvare. Ma chi lo farà? Nel frattempo, vedetevi il film, vi risveglierà per un attimo dal torpore, prima che torniate zombie.